Passa ai contenuti principali

conferenza sul passo del San Bernardino

Ricevo e pubblico:

ASSOCIAZIONE SVIZZERA
PER I RAPPORTI CULTURALI ED ECONOMICI
CON L’ITALIA
BASILEA

Conferenza dell’ingegnere Paolo Mantovani

Dalle mulattiere alle strade commerciali attraverso lo Spluga e il San Bernardino per collegare i porti del Mediterraneo ai centri commerciali della Germania.

Giovedí 22 aprile 2010, alle ore 18:15 in un’aula dell’Università di Basilea, Petersplatz 1

Paolo Mantovani è nato a Soazza nel 1943. È ingegnere (ora in pensione) e da molti anni dedica una gran parte del suo tempo libero alla raccolta delle testimonianze sul passato della sua gente nell’alta Valle Mesolcina e allo studio delle antiche vie di comunicazione nelle Alpi retiche. Fra le sue pubblicazioni: "Kunstbauten für Kunststrassen" in: "Richard La Nicca, Bilder der Baukunst", Verlag Bündner Monatsblatt, Chur, 2006; "La strada commerciale del San Bernardino", Editore Armando Dadò, Locarno, 1988.

Il 17 aprile 2008 il giornalista Orazio Martinetti tenne una bella conferenza sul traforo ferroviario del San Gottardo dal titolo Il fischio del vapore. L’avventura ferroviaria nel cuore delle Alpi. L’ASRI ha invitato ora l’ing. Paolo Mantovani a parlarci di due altre vie di comunicazione tra l’Italia e la Germania: lo Spluga e il San Bernardino. Questo ciclo di conferenze sulle vie attraverso le Alpi continuerà il 19 novembre 2010 con la conferenza del prof. Remigio Ratti dal titolo Trasporti, sviluppo economico e identità nella Svizzera italiana – Il ruolo del San Gottardo, dalla galleria di Favre ad Alptransit.

“Agli inizi del XII secolo s‘accentuò il traffico di merci e persone attraverso i valichi alpini. Le vie del S. Gottardo, Lucomagno e S. Bernardino, come pure quelle comasche, erano preferite, oltre che da mercanti e militari, pure dai pellegrini, rispetto ai valichi del Piemonte e del trentino” scrive il prof. Massimo Colombo. Ora, in automobile, da Basilea si raggiunge Chiasso in 3 ore. Nel passato non era cosí: la strada che costeggiava il lago Ceresio tra Lugano e Melide fu aperta solo nel 1818 e poi ci si doveva imbarcare per Bissone. Il ponte-diga di Melide fu inaugurato solo nel 1848. Quindi per mercanti, militari e viandanti era importante avere vie alternative. Di alcune di queste ci parlerà l’ingegnere Paolo Mantovani.

Commenti

Post popolari in questo blog

Padre Marco Flecchia, Sono accanto a tutti

intervista a cura di Carlo Silvano SOAZZA (Grigioni italiano)  – Dopo aver riletto un’intervista che padre  Marco Flecchia  mi ha rilasciato nel 2009 sulla sua attività di parroco nelle due valli italofone della Mesolcina e della Calanca, è sorto il desiderio di tornare a parlare – a undici anni di distanza – di alcuni argomenti particolari, come l’identità socio-religiosa, l’associazionismo laicale e lo spopolamento della Val Calanca. La precedente intervista è reperibile cliccando all’indirizzo  Intervista a a padre Marco Flecchia  e le foto proposte in questo articolo riguardano Soazza e sono state gentilmente offerte da padre Marco. Don Marco, nel 2009 nel corso di un’intervista che mi ha rilasciato, Lei affermava che il cattolicesimo rappresentava un carattere significativo della realtà delle Valli Mesolcina e Calanca. Dopo undici anni, ritornando su questo argomento, quali osservazioni si sente di proporre? Si può affermare grosso modo la stessa realtà di allora, pur t

Carlo Silvano, "La bambina della masseria Rutiglia"

Col patrocinio morale del Circolo di lettura "Anna Gnesa" è stato pubblicato il romanzo breve intitolato "La bambina della masseria Rutiglia" di Carlo Silvano, ambientato nelle campagne vesuviane durante l'ultimo conflitto mondiale. Qui di seguito viene proposta la prefazione scritta da Carmela Silvano: Prefazione di  Carmela Silvano Nel territorio napoletano non è raro trovare ancora, disseminate nelle campagne, antiche masserie ereditate da un tempo lontano, quando questi agglomerati di abitazioni e stalle erano circondate da enormi distese di campi coltivati e sporadiche casupole. La masseria  Rutiglia  non fa eccezione anche se in questi ultimi decenni il suo territorio è stato stravolto: oggi, infatti, si presenta con zone che erano state tolte ai coloni e poi abbandonate, mentre in altre zone si evidenziano costruzioni e manufatti con qualche capannone artigianale. Al di là di questo scempio, essa è ancora lì, al confine tra due comuni della pro

"L'anno della valanga" di Giovanni Orelli

Da Luigi Giovannini (Villorba - Treviso) ricevo e propongo questo post su un libro dello scrittore elvetico Giovanni Orelli . Giovanni Orelli ebbe i suoi natali a Bedretto in Svizzera nel 1928. Studiò a Zurigo e poi a Milano. Conseguì la laurea in filosofia medioevale ed umanistica. Insegnò nel liceo cantonale di Lugano e fu collaboratore del settimanale “Politica nuova”. Ottenne diversi premi letterari e si schierò politicamente nel partito socialista ricoprendo il seggio di deputato al Gran Consiglio del Canton Ticino per una legislatura. La sua carriera letteraria ebbe inizio nel 1965 con il libro “L’anno della valanga”, vincitore del premio "Veillon". Assieme alle numerose opere che gli sono attribuite e che lo hanno elevato al livello di ottimo prosatore, viene ricordato anche per aver percorso la strada poetica sia con opere in italiano che nel dialetto di Bedretto. Questo antico borgo da il nome all’omonima valle dalla quale, attraverso un sentiero, si accede a