Passa ai contenuti principali

"Il bambino e l'avvoltoio" letto da Gennaro Piccolo

Considero “Il bambino e l'avvoltoio” un reportage nell’anima. Un viaggio attento, analitico e mai distaccato nelle pieghe della coscienza, sempre alla ricerca di una luce anche in fondo all'abisso. 
È un reportage fatto di storie vere, vere anche quando si presentano come la riscrittura, la reinterpretazione simbolica di vicende vissute. Vicende reali e realistiche, come è vero e reale George ne “L'angelo di via Appiani”, che crede negli angeli, ma è la reinterpretazione della tragica storia di Frank, avvocato ghanese, catapultato in Italia come migliaia di altri, in attesa di continuare a sognare di rientrare nel proprio Paese, ma anche costretti a fare i conti, i pochi fortunati, con la difficoltà di riadattarsi al ritorno nella loro terra di origine.  
C'è amarezza anche nella storia di Ledion, il ventitreenne albanese, “Il cerchio di ghisa”, anche lui venuto in Italia a bordo di un gommone, su quei mezzi di fortuna che fanno sbarcare anche tante donne costrette a pagare con il corpo il prezzo di poter trovare un posto da vivere, perché è questa la dura legge, maledetta legge del “chi può, paga; chi non può...”. E quale prospettiva di ricostruire una vita possono davvero trovare tutti coloro che devono per forza accettare un “alloggio” rimediato alla meglio, che razza di casa può essere quella in cui il solaio scricchiola ad ogni passo. Eppure, per Ledion e tanti altri si può finalmente immaginare di cominciare ad essere felici “di avere un lavoro e (...) anche una casa con acqua corrente e calda, con la luce e il televisore e nel frigo una buona birra”. Ma poi... poi, ci sarà una curva, un platano, lo schianto...
Come è strana la vita, ma soprattutto come appare delicata, vulnerabile, ma anche bella nella sua poesia: “Il rosso dell’acero” è come un idillio, una parentesi di speranza viva che Marco e Sabrina ci fanno assaporare, a partire dalla semplice ricchezza e dal mistero che ogni goccia d'acqua racconta nel suo percorso dalla sorgente al mare; oppure, la fantastica narrazione de “Il segreto di Helga”, trasportati per incanto come in una appassionante fiaba islandese.
Ma c'è la realtà cruda in agguato: “Il distacco” è la dolorosa confessione di Mohamed combattuto tra il giusto significato da dare ai concetti di eguaglianza formale e sostanziale della nostra Costituzione e l'inevitabile confronto con la sua storia familiare (poligamia paterna) e le troppe morti, i troppi cadaveri visti nelle inutili guerre e che ormai non lo impressionano più, perché è così che si perde il senso della morte e, purtroppo, anche della vita.
Alla fine, ma a dire il vero è anche il punto di ritorno alle origini del libro perché è un altro modo per raccontare la copertina, “Il bambino e l'avvoltoio” ricapitola il senso di questo breve, ma intenso viaggio: il monito a guardare avanti, lasciarsi interrogare dalle domande essenziali di un mondo affamato di pane e di verità e giustizia e ascoltare la voce dei dimenticati di questa terra, ai quali abbiamo rubato il futuro, lasciandoli magari soli in balia degli avvoltoi di ogni tipo a barattare bricioli di speranza. (Gennaro Piccolo – Cercola)

Carlo Silvano, "Il bambino e l'avvoltoio e altri racconti", ed. Youcanprint 2020, pp. 80. Per ulteriori informazioni cliccare su: "Il bambino e l'avvoltoio" di Carlo Silvano

Commenti

Post popolari in questo blog

Padre Marco Flecchia, Sono accanto a tutti

intervista a cura di Carlo Silvano SOAZZA (Grigioni italiano)  – Dopo aver riletto un’intervista che padre  Marco Flecchia  mi ha rilasciato nel 2009 sulla sua attività di parroco nelle due valli italofone della Mesolcina e della Calanca, è sorto il desiderio di tornare a parlare – a undici anni di distanza – di alcuni argomenti particolari, come l’identità socio-religiosa, l’associazionismo laicale e lo spopolamento della Val Calanca. La precedente intervista è reperibile cliccando all’indirizzo  Intervista a a padre Marco Flecchia  e le foto proposte in questo articolo riguardano Soazza e sono state gentilmente offerte da padre Marco. Don Marco, nel 2009 nel corso di un’intervista che mi ha rilasciato, Lei affermava che il cattolicesimo rappresentava un carattere significativo della realtà delle Valli Mesolcina e Calanca. Dopo undici anni, ritornando su questo argomento, quali osservazioni si sente di proporre? Si può affermare grosso modo la stessa realtà di allora, pur t

Carlo Silvano, "La bambina della masseria Rutiglia"

Col patrocinio morale del Circolo di lettura "Anna Gnesa" è stato pubblicato il romanzo breve intitolato "La bambina della masseria Rutiglia" di Carlo Silvano, ambientato nelle campagne vesuviane durante l'ultimo conflitto mondiale. Qui di seguito viene proposta la prefazione scritta da Carmela Silvano: Prefazione di  Carmela Silvano Nel territorio napoletano non è raro trovare ancora, disseminate nelle campagne, antiche masserie ereditate da un tempo lontano, quando questi agglomerati di abitazioni e stalle erano circondate da enormi distese di campi coltivati e sporadiche casupole. La masseria  Rutiglia  non fa eccezione anche se in questi ultimi decenni il suo territorio è stato stravolto: oggi, infatti, si presenta con zone che erano state tolte ai coloni e poi abbandonate, mentre in altre zone si evidenziano costruzioni e manufatti con qualche capannone artigianale. Al di là di questo scempio, essa è ancora lì, al confine tra due comuni della pro

"L'anno della valanga" di Giovanni Orelli

Da Luigi Giovannini (Villorba - Treviso) ricevo e propongo questo post su un libro dello scrittore elvetico Giovanni Orelli . Giovanni Orelli ebbe i suoi natali a Bedretto in Svizzera nel 1928. Studiò a Zurigo e poi a Milano. Conseguì la laurea in filosofia medioevale ed umanistica. Insegnò nel liceo cantonale di Lugano e fu collaboratore del settimanale “Politica nuova”. Ottenne diversi premi letterari e si schierò politicamente nel partito socialista ricoprendo il seggio di deputato al Gran Consiglio del Canton Ticino per una legislatura. La sua carriera letteraria ebbe inizio nel 1965 con il libro “L’anno della valanga”, vincitore del premio "Veillon". Assieme alle numerose opere che gli sono attribuite e che lo hanno elevato al livello di ottimo prosatore, viene ricordato anche per aver percorso la strada poetica sia con opere in italiano che nel dialetto di Bedretto. Questo antico borgo da il nome all’omonima valle dalla quale, attraverso un sentiero, si accede a