Passa ai contenuti principali

La diffusione degli italianismi

ASSOCIAZIONE SVIZZERA PER I RAPPORTI CULTURALI ED ECONOMICI CON L’ITALIA

BASILEA

Conferenza del prof. Giovanni Rovere
Università di Heidelberg

ITALIANISMI ENTRATI NELLA LINGUA TEDESCA

Venerdí 22 ottobre 2010, 18:15, in un’aula dell’Università di Basilea,
Petersplatz 1

Giovanni Rovere è stato dal 1974 al 1982 assistente al Romanisches Seminar dell’Università di Basilea. Dal 1983 insegna linguistica italiana all’Università di Heidelberg. Si occupa principalmente di (meta-)lessicografia. È coautore del Wörterbuch der italienischen Verben (Klett, Stoccarda 1998) e del Dizionario idiomatico tedesco italiano (Zanichelli, Bologna 2009). Ha collaborato al Dizionario di italianismi in francese, inglese, tedesco (Accademia della Crusca, Firenze 2008). Attualmente cura la parte italiana del Wörterbuch zur Lexikographie und Wörterbuchforschung di cui è uscito il primo volume (De Gruyter, Berlino 2010). Fra le altre pubblicazioni si citano: Testi di italiano popolare (CSER, Roma 1977), Il discorso omiletico (CSER, Roma 1982), Un’autobiografia popolare del primo Ottocento (Il Punto, Torino 2002²) e Capitoli di linguistica giuridica (Edizioni dell’Orso, Alessandria 2005).

Si può davvero, per usare le parole di Fernand Braudel, “cartographier la diffusion de la langue italienne elle-même, cet élément insistant de toute culture européenne”? Quale rapporto sussiste tra il fenomeno degli italianismi nelle lingue europee e “la guerra europea delle lingue”? Cosa s’intende esattamente con il termine “italianismo”? Come si distribuiscono gli italianismi nel lessico tedesco contemporaneo? Cosa succede con le parole italiane quando passano al tedesco? Nel corso della conferenza si accennerà a questi e ad altri aspetti.

La diffusione degli italianismi, a differenza di quanto avviene per altre lingue d’Europa, non si lega a periodi di predominio politico o economico, ma a fattori e momenti storici e culturali e a particolari ‘prodotti’ della civiltà italiana, a cominciare dall'utilizzo dei termini bancari e finanziari del medioevo, del Risorgimento sino ad arrivare ai giorni d'oggi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Padre Marco Flecchia, Sono accanto a tutti

intervista a cura di Carlo Silvano SOAZZA (Grigioni italiano)  – Dopo aver riletto un’intervista che padre  Marco Flecchia  mi ha rilasciato nel 2009 sulla sua attività di parroco nelle due valli italofone della Mesolcina e della Calanca, è sorto il desiderio di tornare a parlare – a undici anni di distanza – di alcuni argomenti particolari, come l’identità socio-religiosa, l’associazionismo laicale e lo spopolamento della Val Calanca. La precedente intervista è reperibile cliccando all’indirizzo  Intervista a a padre Marco Flecchia  e le foto proposte in questo articolo riguardano Soazza e sono state gentilmente offerte da padre Marco. Don Marco, nel 2009 nel corso di un’intervista che mi ha rilasciato, Lei affermava che il cattolicesimo rappresentava un carattere significativo della realtà delle Valli Mesolcina e Calanca. Dopo undici anni, ritornando su questo argomento, quali osservazioni si sente di proporre? Si può affermare grosso modo la stessa realtà di allora, pur t

Carlo Silvano, "La bambina della masseria Rutiglia"

Col patrocinio morale del Circolo di lettura "Anna Gnesa" è stato pubblicato il romanzo breve intitolato "La bambina della masseria Rutiglia" di Carlo Silvano, ambientato nelle campagne vesuviane durante l'ultimo conflitto mondiale. Qui di seguito viene proposta la prefazione scritta da Carmela Silvano: Prefazione di  Carmela Silvano Nel territorio napoletano non è raro trovare ancora, disseminate nelle campagne, antiche masserie ereditate da un tempo lontano, quando questi agglomerati di abitazioni e stalle erano circondate da enormi distese di campi coltivati e sporadiche casupole. La masseria  Rutiglia  non fa eccezione anche se in questi ultimi decenni il suo territorio è stato stravolto: oggi, infatti, si presenta con zone che erano state tolte ai coloni e poi abbandonate, mentre in altre zone si evidenziano costruzioni e manufatti con qualche capannone artigianale. Al di là di questo scempio, essa è ancora lì, al confine tra due comuni della pro

"L'anno della valanga" di Giovanni Orelli

Da Luigi Giovannini (Villorba - Treviso) ricevo e propongo questo post su un libro dello scrittore elvetico Giovanni Orelli . Giovanni Orelli ebbe i suoi natali a Bedretto in Svizzera nel 1928. Studiò a Zurigo e poi a Milano. Conseguì la laurea in filosofia medioevale ed umanistica. Insegnò nel liceo cantonale di Lugano e fu collaboratore del settimanale “Politica nuova”. Ottenne diversi premi letterari e si schierò politicamente nel partito socialista ricoprendo il seggio di deputato al Gran Consiglio del Canton Ticino per una legislatura. La sua carriera letteraria ebbe inizio nel 1965 con il libro “L’anno della valanga”, vincitore del premio "Veillon". Assieme alle numerose opere che gli sono attribuite e che lo hanno elevato al livello di ottimo prosatore, viene ricordato anche per aver percorso la strada poetica sia con opere in italiano che nel dialetto di Bedretto. Questo antico borgo da il nome all’omonima valle dalla quale, attraverso un sentiero, si accede a